Gli spettacoli più controversi di Netflix

Netflix ha un notevole successo e ottiene ogni tipo di elogio in lungo e in largo. Sembra che ogni singolo spettacolo che lanciano ottenga una sorta di ronzio, ma quel ronzio non è sempre il tipo buono. Il servizio di streaming è noto per raccogliere recensioni stellari e un'accoglienza dedicata da parte dei fan, ma a volte lasciano cadere la palla e illuminano i locali discutibili o lasciano dubbi su pratiche dietro le quinte e questioni legali.

Gli spettacoli hanno affrontato stelle accusate di terribili crimini, evidenti controversie sulla disparità retributiva, problemi di rappresentanza e controversie politiche negli ultimi anni, con le ricadute internazionali che hanno portato grandi cambiamenti dietro le quinte. Scorri per vedere alcuni di Netflix Gli spettacoli più controversi nel corso degli anni.

'Insaziabile'

(Foto: Netflix / Tina Rowden)

Insaziabile stelle Jessie l'allume Debby Ryan nel ruolo di 'Fatty Patty', uno studente del liceo ripetutamente preso in giro e vittima di bullismo per essere in sovrappeso. Patty viene quindi attaccato da qualcuno ed è costretto a tenere la mascella chiusa per mesi. Con la mascella di Patty chiusa, la sua dieta cambia drasticamente e il suo peso scompare durante le vacanze estive. Torna a scuola rivitalizzata e vendicata per tutti coloro che l'hanno vittima di bullismo.



Basandosi solo sul trailer, numerosi utenti di Twitter sono stati entusiasti dei temi sottostanti della serie quando è stato rilasciato. Molti hanno sottolineato questo fatto che potrebbe indurre gli spettatori impressionabili a credere di dover morire di fame per perdere peso e acquisire accettabilità sociale.

'13 Ragioni per cui '

(Foto: Netflix)

13 motivi per cui è stato uno dei maggiori successi di Netflix, ma ha anche portato a una delle più grandi controversie del servizio. L'intera premessa dello spettacolo è incentrata sul suicidio di una giovane donna, Hannah Baker (Katherine Langford). Prima della sua morte, ha registrato una serie di nastri che spiega perché si è suicidata a ciascuna delle persone responsabili di infliggerle danni emotivi.

Molti hanno interpretato il messaggio dello spettacolo come il suicidio come un modo appropriato per vendicarsi delle persone e affrontare un problema. Ci sono state anche alcune morti copiate nello show, ma Netflix continuava a far funzionare lo show.

'Il ranch'

(Foto: Greg Gayne / Netflix)

Il ranch è una delle sitcom di maggior successo di Netflix, ma è stata colpita da un sacco di polemiche. Lo era Danny Masterson, che interpreta il protagonista Rooster Bennett accusato di violenza sessuale da numerose donne . Masterson ha negato le accuse, ma Netflix ha deciso di tagliare i legami con l'attore. Se le accuse e il licenziamento non erano abbastanza controversi, il servizio ha deciso di mandare in onda episodi girati prima del licenziamento di Masterson senza metterlo in discussione. Lo spettacolo ha terminato la sua corsa senza mai riportare indietro Masterson.

'Castello di carte'

(Foto: Netflix / Nathaniel E. Bell)

Castello di carte è stato guastato da problemi simili alla fine del 2017. La star Kevin Spacey, che interpretava il personaggio principale Frank Underwood, è stata accusata di innumerevoli crimini di molestie e aggressioni sessuali. Netflix è stato costretto ad agire, licenziando Spacey e revisionando la stagione finale dello show per essere esclusivamente sulla moglie di Frank Claire (Robin Wright).

'Cari bianchi'

(Foto: YouTube / Netflix)

Cari bianchi è acclamato e adorato dalla critica e dai fan allo stesso modo, ma molte persone hanno attaccato lo spettacolo basandosi solo sul suo titolo. Mentre lo spettacolo è tutto incentrato sul commento razziale e sull'appropriazione della cultura nera, la maggior parte delle persone ha preso la premessa dello spettacolo come un attacco razzista contro i bianchi senza mai guardare un episodio.

'La corona'

(Foto: Netflix)

La corona sembra un obiettivo improbabile per uno scandalo, ma si è trovato al centro di una discussione su pari salari. Dopo la fine delle loro due stagioni nello show, è stato rivelato che il co-protagonista Matt Smith è stato pagato molto più di Claire Foy, che interpretava il personaggio principale della regina Elisabetta.

Molti hanno chiesto a Netflix e ai produttori dello show di pagare l'attrice in modo più retroattivo o di fare una grande donazione al movimento Time's Up. Non è chiaro se abbiano fatto una di queste due cose, ma i produttori hanno promesso che le future attrici che interpreteranno la regina Elisabetta nello show non saranno pagate meno di qualsiasi altra stella.

'Atipica'

(Foto: Netflix)

atipico è uno spettacolo pensato per dare una migliore rappresentazione alle persone con autismo. Tuttavia, sembrava non scavare in un'autentica esperienza autistica. Molte persone nella comunità autistica, tra cui Huffington Post collaboratore Haley Moss, ha fortemente criticato lo spettacolo per questo.

'Nessuno è uno stereotipo perfetto nella vita reale', ha scritto Moss nella sua recensione. 'Sam semplicemente perde ogni segnale sociale, trova ogni scusa possibile per parlare di pinguini e Antartide e appare intrinsecamente egoista e sconsiderato. Diventa uno scherzo. Sa che è strano, e non gli interessa davvero, tranne quando si tratta della sua ricerca di avere una ragazza e fare sesso. Ignora i sentimenti delle persone e ogni linea di dialogo che ha in qualche modo implica un passo falso sociale '.

Continua, 'Con l'autismo, non è sempre così ovvio, e almeno per me, i momenti imbarazzanti e le miscele sono più sfumati. Questi stereotipi sono dannosi per le persone autistiche, le loro famiglie e i loro amici. Invece di aiutarci, lo spettacolo ci fa male descrivendoci erroneamente come raccapriccianti, insensibili e semplicemente imbarazzanti. '

'Giochi sacri'

(Foto: Netflix)